Mi manda Rai Tre, TRA-ME nella puntata i Baroni e il Sistema di Potere dell'università italiana

Baroni senza scrupoli e concorsi truccati: il sistema di potere dell’università italiana”, ecco il titolo.

Domenica mattina, per il Primo Maggio, esattamente alle ore 9, non prendete impegni! Vi aspettiamo tutti per seguire la puntata sulla Mala università che andrà in onda nella storica trasmissione “Mi manda Rai Tre”, condotta da Federico Ruffo. Sarà una puntata pesantissima e durissima, che susciterà sicuramente aspre polemiche. Ci saranno due lunghi e interessanti servizi del bravissimo Alessio Aversa con le intercettazioni e le interviste dell’inchiesta Università allegra all’ateneo-policlinico di Palermo, ci sarà la coraggiosissima ClaraStella Vicari che sarà presente in studio intervistata dal conduttore sull’inchiesta “Magnifica” dell’ateneo di Reggio Calabria, e infine ci sarò Giambattista Scirè, storico e responsabile scientifico di "Trasparenza e Merito", che ha rilasciato alla redazione una lunga intervista sul Sistema di Potere accademico che tiene in ostaggio l’università pubblica, e che sarà in studio per rivolgere un appello alla ministra dell’università Messa (sul contenuto integrale della lettera inviata alla ministra, che è stata pubblicata oggi in sintesi sul Fatto quotidiano, vi rimandiamo a questo comunicato sul sito) affinché, di fronte allo scempio che sta devastando l’istituzione universitaria, dal Nord al Sud, passi dalle parole ai fatti (come più volte ha dichiarato e promesso, di recente alla trasmissione di Presa Diretta sui Rai Tre, condotta da Riccardo Iacona) e prenda provvedimenti pesanti con multe, sanzioni, procedimenti disciplinari sul piano dell’etica pubblica nei confronti di chi ha abusato, commissariamenti e costituzioni come parte civile ai processi contro gli atenei “viziosi”, prima che sia troppo tardi, oppure si dimetta.

Seguiteci numerosi in trasmissione e condividete il più possibile: per cambiare questa università c’è bisogno del contributo e dell’appoggio di tutti i cittadini perbene di questo paese. Avanti tutti insieme!