Margherita Corrado al Senato: Trasparenza e merito si batte per rilanciare università e ricerca

Riportiamo il testo del discorso del 1 luglio 2019 di Margherita Corrado (M5S), membro della Commissione Cultura al Senato.


"L'indagine denominata "Università Bandita", durata quasi un biennio e venuta alla ribalta la settimana scorsa, ha coinvolto finora 66 docenti: 44 dell’Università di Catania e 22 di 16 atenei sparsi in tutta Italia (Statale di Milano, Cà Foscari di Venezia, Verona, Padova, Bologna, Napoli, Trieste, Firenze, Cattolica di Roma, Roma Tre, Chieti-Pescara, Catanzaro, Messina, Cagliari). Ha rivelato che non un concorso tra quelli banditi negli ultimi tempi (ma il fenomeno va avanti da una ventina d’anni) è regolare, comparativo e basato sul merito, come invece dovrebbe essere per legge, per bando, addirittura per costituzione. Tutti risultano tagliati su misura per i predestinati, tant’è che li chiamano bandi sartoriali o profilati.

Dalle intercettazioni è emerso un sistema clientelare fatto di commissioni elette a comando attraverso pizzini, un uso privatistico dell’università, dove una élite cittadina decideva chi doveva entrare con borse di studio, dottorati, assegni di ricerca, posti da associato o ordinario. Addirittura, i docenti intercettati arrivano a definire “stronzi da schiacciare” quelli che si presentano ad un concorso senza essere i predestinati.

Alcuni di questi cattedratici e rettori sono stati sospesi dagli incarichi in attesa di giudizio, accusati di associazione a delinquere con finalità di corruzione, truffa aggravata, falsità ideologica. A prescindere dagli esiti giudiziari, però, sono enormi e di lunga durata i danni procurati da un sistema consolidato che emana bandi di concorso non per dare all’università figure qualificate ma per sistemare su base familistica parenti, amici, servi compiacenti. Si va dalla fuga all’estero dei cervelli formati in Italia, ai danni erariali che derivano dal mettere dentro le università persone non sempre qualificate, alla distruzione del futuro dei tanti esclusi, spesso vere e proprie eccellenze. Il danno si aggrava quando gli esclusi denunciano i meccanismi del sistema e ne vengono isolati, poi estromessi definitivamente con le più varie strategie, fino a stroncare loro qualunque possibilità di carriera.

La riforma dei concorsi universitari è oggi una drammatica priorità alla quale il Paese non può sottrarsi. Sono certa che il viceministro Fioramonti, dopo avere promesso un’inversione di marcia, è già al lavoro per mantenere l’impegno, anche con l’aiuto di chi, come “Trasparenza e Merito l’Università che vogliamo”, si batte quotidianamente proprio per rilanciare università e ricerca."


Leggi il discorso della sen. Corrado al Senato del 1 luglio 2019



DONA A QUESTO IBAN

IT24C0760117000001041583947

Effettua una donazione all'associazione tramite bonifico online o cartaceo utilizzando l'IBAN fornito.

Grazie per il supporto!

CONTATTACI
arrow&v
Carica file in formato JPG

MAIL - trasparenzaemerito@gmail.com

EMAIL PEC - trasparenzaemerito@pcert.postecert.it

Via Dandolo 19/A Roma (Trastevere)

Codice Fiscale: 97965470582. 
 

IBAN - IT24C0760117000001041583947

(BancoPosta - Poste Italiane)