top of page

Mattarella a Scirè: "Anche nel settore universitario occorre sempre seguire trasparenza e legalità"

Pubblichiamo la risposta alla Lettera aperta di Giambattista Scirè, amministratore e portavoce di "Trasparenza e Merito", nonché ricercatore universitario vittima di un vergognoso e surreale caso di mala università all'ateneo di Catania (come tanti altri in giro per gli atenei d'Italia), pervenuta in data 12 febbraio 2020 dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, a firma del Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica - Ufficio per gli Affari dell'Amministrazione della Giustizia.

Senza entrare ovviamente nel merito della questione, mantenendosi sul piano teorico e con poche chiare ma nettissime parole, la lettera di Mattarella manifesta un appoggio morale e una condivisione di intenti della battaglia intrapresa dal ricercatore siciliano, e delle finalità stesse dell'Associazione nella attività di contrasto agli episodi di mala università.


Ecco il testo:


"Il Capo dello Stato segue con grande attenzione le questioni da lei evidenziate nella convinzione che, anche nel settore universitario, occorre sempre seguire i principi di legalità e TRASPARENZA.

Le Università italiane possono vantare livelli di eccellenza in vari campi del sapere e riscuotono i migliori risultati solo laddove si fondano sull’autonomia e libertà dell’insegnamento, guidate esclusivamente dal principio del MERITO.

Augurandole di trovare riscontro alle sue aspettative nel corso della carriera universitaria, le porgo i più cordiali saluti."


Leggi la Lettera originale di risposta del Presidente della Repubblica alla Lettera aperta, 12 febbraio 2020

Leggi la Lettera aperta di Scirè del 20 gennaio 2020



Comments


bottom of page